Vito Liturri

Vito Liturri - pianist, composer

Nato a Noicattaro (Ba) nel 1965, si è accostato al jazz sotto la guida di Nico Marziliano e ha frequentato, successivamente, i corsi di perfezionamento di Siena Jazz.

Ha alle spalle una formazione classica: si è, infatti, diplomato in Composizione e in Direzione d’Orchestra presso il Conservatorio “N. Piccini” di Bari; ha, inoltre, frequentato corsi di perfezionamento in composizione con i maestri G. Manzoni e S. Gorli, in direzione d’orchestra con i maestri N. Samale e R. Duarte e corsi di musica elettronica con A. Di Scipio.

È titolare della cattedra di Armonia Complementare presso il Conservatorio “N. Rota” di Monopoli, dove insegna anche Tecniche di Composizione Musicale e Storia ed Analisi del Repertorio nell’ambito dei corsi universitari di II livello.

Sue composizioni sono state incise per le etichette “Rugginenti” (Milano) e “CM Classic” (Bari) e pubblicate dalle edizioni musicali “Carrara” (Bergamo) e “Sorriso” (Bari), e sono state eseguite in rassegne e concerti di musica contemporanea in Italia e all’estero. Ha diretto gli ensemble di musica contemporanea “Laboratorio ’900″ e “VarieAzioni”, con cui ha tenuto numerosi concerti alla presenza di alcuni dei maggiori compositori italiani.

Affascinato dal linguaggio jazzistico e dalla libertà e immediatezza espressive che esso permette, ha cercato di trasferire nel jazz la sua lunga esperienza nell’ambito della musica contemporanea; da qui deriva, in particolare, il suo interesse per la ricerca armonica e per la sperimentazione timbrica, come si può avvertire sia dal suo approccio pianistico, che dalle sue composizioni.

Fa concerti sia come solista che in diverse formazioni. Suona stabilmente con l’ensemble Suoni Visionari di Felice Mezzina, il duo Antonicelli – Liturri (sax e pianoforte), il duo Annarita Romito – Vito Liturri (voce e pianoforte).

La curiosità e la voglia di sperimentare lo hanno portato a collaborare con gli attori Monica Contini e Gianni Piscinelli e il pittore-contrabbassista Vito Savino nella creazione di spettacoli teatrali in cui la musica si integra con altre forme espressive.

Il suo progetto più recente è il Quintetto “Oberon” (Vincenzo Antonicelli, sassofoni; Vito Liturri, pianoforte; Simona Armenise, chitarre ed elettronica; Marco Boccia, contrabbasso; Lello Patruno, batteria), il cui repertorio è costituito esclusivamente da composizioni originali e che si propone di fondere un jazz di matrice europea con elementi provenienti dalla musica contemporanea, dal rock e dalla musica elettronica.

Vincenzo Antonicelli

Vincenzo Antonicelli - saxophonist

Born in 1967 (too many years ago), he played piano at early age and began playing saxophone very late, after an Electronic Engineering degree (110/110 with mention …)

During Ph.D and post-doctorate fellowship, he matured the (insane ?) decision to leave the scientific world, embracing an artistic career. (Academic world is not much artistic … people are square and heavy like stones … sorry !)

After classical studies, he decided to dedicate all his efforts to Jazz: Jazz is not a kind of music, it’s a way to reshape and play music, whatever the source could be … and Jazz becomes soon a way of life.

He has a powerful tenor sax voice, with reminiscences of Archie Shepp, Pharoah Sanders, George Adams, Albert Ayler, Gato Barbieri, employing elements taken from the avant-garde (classical and jazz) and from the Jazz tradition (expecially when playing ballads …).

On soprano, he has a Shorter-like sound, retaining “sneaky” phrasing, asymmetric runs, out-of-harmony playing from Coltrane and fellows style. Need to say that he is, mainly, a free, angry, screaming, honking, growling, splitting tones, sax player ?

Studies
Classical studies
P. De Benedetto.
Masterclass
F. Moretti.
Jazz studies
M. Carrabba, F. Mezzina.

Workshops
G. Basso, E. Cisi (2), C. Fasoli, E. Fioravanti, D. Liebman, B. Mover, M. Raja.
Harmony and composition studies
Studies with L. Giannatempo, N. Marziliano.

Prizes
First classification at “Note nella Notte”, Bari, May 2002 (Renegades Jazz Quartet, aka RJQ);
First classification at 5° ‘Concorso Nazionale di Esecuzione e Composizione di Musica Classica, Elettronica, Jazz e Leggera “Onde Musicali”’, Taranto 24-30 May 2004, Jazz section (Annarita Romito Jazz Trio);
Finalist at “Talenti Jazz-Martina 2005″-Martina Franca (TA)-11 Dec 2005 (Antonicelli-Liturri Jazz Duo)

Discography
“Onirika”-Doracor: progressive rock-Mellow Records-MMP 495-2007.
“Lady Roma”-Doracor.
Playing
He has played (with various groups) in local Jazz clubs and in many cultural and benefic happenings, as:
“Trani per Telethon”, Trani – December 2002
“Suoni Contro-Concerti per Amnesty”, Molfetta – July 2003-2004-2005
“Suoni sTrani”, Trani – December 2003 and April 2004
“Suoni visionari”, (“La Vallisa”-Bari, “Chiostro di Conversano”, “Casa dei Popoli”-Molfetta),
“ControFestival” 2005

blowing with famous italian jazzmen, like N. Arigliano, F. Cerri, F. Mezzina, N. Pisani, N. Marziliano.

Davide Viterbo

davide viterbo cello player

Davide Viterbo - composer, cello player, guitarist, sound engineer

Davide Viterbo is a musician who has crossed genres and developed different skills across-the-board. Eminent musical figure, he’s always left a deep mark in the projects he has been involved in.

The innovative sound of his cello is the result of his great sensitivity and tireless research as a composer, cello player, guitarist, and sound engineer.

Davide was a member of the Skizo, a band whose short life represented a milestone in Italian underground music scene: ” the most innovative act tonight, a band with a sound that’s plain and complicated at once, where burning moments follow static ones, really clever. (Red Ronnie, Il Resto del Carlino 7/6/82 Festival Rock Bologna);

In 1983 in collaboration with Tommaso Mazza he gives an audio-visual performance, “Carry carry on”, at the art gallery Bonomo. The exhibition includes 8mm film loops projected on a white canvas screen, a cello on which an electrical musical box was mounted playing back the scores, audio loops on a Revox, magnetic tapes tightly suspended between floor and ceiling.

He takes his cello diploma at the music academy “N. Piccinni” under Vito Paternoster’s tutoring. He is a cellist for the Orchestra “Provincia di Bari” . Soon after he wins an audition for the Petruzzelli orchestra. He collaborates with a number of projects as solo cellist, such as Moni Ovadia’s “Golem”, Walter Pagliaro’s “Lo strumento scordato”, to name but a few. In this position he will also tour many important italian theatres such as: Teatro Filodrammatici in Milan; Piccinni, Bari; Giordano, Foggia; Lauro Rossi, Macerata; Ateneo, Rome; Vascello, Rome; Della Corte, Genoa; Studio, Milan; Morlacchi, Perugia; Verdi, Lucca; Arena del sole, Bologne; Verdi, Martina Franca
He’s temporary teacher in the cello classes at the music academy “N.Piccinni” in Bari until 1999.

In 1991 he performs live with the song writer Angelo Ruggero for Time Zones, a collaboration which leads to the production of the c.d. “Regina dei Gatti”. In this album, released by BMG Ariola, he acts as music director, cellist, arranger, and co-author of the music scores. Among the numerous guest artists in the c.d., the great virtuoso of the saxofone, Roberto Ottaviano. The album receives enthusiastic reviews on the national press by Gino Castaldo, Marinella Venegoni, Fabrizio Versienti.

He’s co-protagonist together with the artist Biagio Caldarelli and the poetess Dora Lapolla of the art video “Biagio, Davide e Dora”, directed by Nico Bizzarro, as shown at the art gallery Bonomo. He’s guest musician in “Round about Max”, jazz saxophonist Massimo Urbani’s album. – In 1996 he brings to the stage “La lontananza nostalgica utopica futura” by L.Nono, an act for solo violin and tapes (violinist Enzo Porta, Il Coretto, Auditorium Vallisa, Bari).

In Jerez, Andalusia, he studies flamenco guitar. He is the leader and producer of the trio “Nura” – a fine example of cleverness and elegance in blending different musical cultures – engaged in an intensive touring period between Italy and France.

In 2001 he starts collaborating as artistic producer with “Sottosuono”, an independent label.

He is guest musician in several albums by Antonio Breschi, one of the first piano composers to cross remote musical cultures, and co-producer of “Zearbidetan”, a c.d. where music meets poetry, by Josè Angel Irigarai (one of the greatest Basque poets) featuring Ronnie Drew, Benito Lertxundi, Gaben Dabiré. – He is the author of the musical performance “Italian avant-guarde in the 60s”, as a part of the film festival “Sentieri nel Cinema” XV ed. (Bari, Teatro Kursaal) – He’s the author of the sound installation “L’ospite d’altri tempi”, included in the art exhibition “De Nittis e Tissot” (Barletta, Palazzo della Marra, 15th July, 2006).

He composes “Distant City”, his most important project, with Time Zones festival as a producers and French composer René Aubry as a guest star. The show is acclaimed by critics and public alike. ( Bari, Palamartino 2006 – Polignano, Primitivo 2007 – Bari, Teatro N. Piccinni 2007)

Marco Boccia

marco boccia jazz bass

Marco Boccia - bassist, composer

Si è dedicato giovanissimo alla musica suonando il basso elettrico, da autodidatta prima e studiando con Vito di Modugno poi, in formazioni rock, blues.

Con uno di questi gruppi ha vinto (1993) il concorso nazionale Rock Contest, interessando la stampa del settore e partecipando a concerti (Roma, Cosenza) e a programmi radiofonici nazionali e locali (RadioRai-Radio Roma).

Si è diplomato in contrabbasso presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari sotto la guida del M° G.Rinaldi frequentando corsi di perfezionamento con il M° F.Petracchi e di formazione orchestrali con Zuccarini e Pirolli. Durante gli anni del Conservatorio è stato primo contrabbasso dell’orchestra Nazionale “Omaggio a Roma” voluta da Uto Ughi che coinvolge giovani musicisti provenienti dai conservatori di tutta Italia diretti da P. Urbini e coordinati dalla violinista M. Regard.

In Puglia ha collaborato con l’orchestra del Petruzzelli di Bari, con il Conservatorio, partecipando a tutte le iniziative orchestrali e cameristiche che hanno visto, fra gli altri, la direzione del M° R. Muti. Ha collaborato come aggiunto con l’Orchestra Sinfonica di Lecce. In qualità di primo o unico contrabbasso ha partecipato a vari festivals musicali per il Dipartimento di Cultura Italiana all’Estero suonando con solisti e piccoli gruppi cameristici in Tunisia ( Cartagine, El-Jam), Grecia (Atene), Turchia (Smirne).

Dal 1999 è socio fondatore e primo contrabbasso dell’ “Eurorchestra da camera di Bari” diretta dal M° F. Lentini con la quale svolge regolari stagioni a Bari e concerti in Italia e all’estero. Molto importante è l’impegno su altri fronti musicali come il Jazz per il quale ha studiato con alcuni tra i più importanti esponenti del genere come P.Dalla Porta, P.Leveratto, P.Danielson.

Ha partecipato ai corsi di perfezionamento di Siena Jazz (C.P.M.), frequentando le lezioni di Zenni, Lessman, Forman, Liebman, Baptiste, Manzi, Sferra. Nell’ambito della Musica Contemporanea ha lavorato con il compositore barese N.Girasole. Da questa collaborazione è scaturita la registrazione di un CD e la realizzazione delle musiche di un film muto ( Idillio infranto-1931) presentato in diverse manifestazione di cinema.

Con il compositore barese N.Scardicchio ha eseguito, in diversi gruppi, musiche di autori contemporanei in prima esecuzione. Attualmente svolge un’intensa attività didattica in scuole private di Bari e provincia iniziando alla musica un notevole numero di giovani bassisti. E’ contrabbassista nel gruppo da camera “Ermes” diretto da G.Monopoli, con il quale ha suonato repertori cameristici in Italia e all’estero.

Intensa anche l’attività con il Quartetto Bolling del flautista Francesco Scoditti impegnati nell’esecuzioni delle suites dell’omonimo compositore suonando per diverse asscociazioni concertistiche come la Camerata musicale barese, associazione concerti Curci di barletta, il Coretto di Bari.

Come compositore ha realizzato e registrato musiche per un video documentaristico e con diversi musicisti locali suona la sua musica oltre che, brani tratti dal repertorio jazzistico. Un suo pezzo è presente nel CD di debutto del pianista barese Kekko Fornarelli suonato da M. Tanburini.

Lello Patruno

lello patruno jazz drums

Lello Patruno - drums

Inizia a mostrare interesse verso la batteria e la musica in genere all’età di 6 anni. A 8 anni riceve in regalo la sua prima batteria professionale che lo porta ad esibirsi in pubblico a soli 10 anni! Successivamente decide di intraprendere professionalmente la carriera musicale dedicandosi allo studio della musica frequentando la classe di “Strumenti a Percussione” presso il Conservatorio di Musica “N.Piccinni” di Monopoli sotto la guida del validissimo M° Vincenzo Mazzone e diplomandosi presso il Conservatorio di Musica “U. Giordano” e studiando batteria con Maurizio dei Lazzaretti. Non mancano le attive partecipazioni a diversi stages e masterclass di batteria, musica jazz e percussioni con: Walter Calloni e Stefano Cerri, Roberto Gatto, Christian Meyer, “Bombul”, Pino e Pietro Iodice, Peter Erskine.

Nel corso della sua formazione partecipa a numerosi concorsi nazionali ed europei classificandosi sempre tra i primi posti.

Si esibisce in vari festival jazz e di musica etnica, contemporanea e leggera incidendo alcuni CD con diverse formazioni.

Suona e collabora con artisti di fama internazionale tra i quali uno dei più grandi chitarristi classici del panorama musicale mondiale Marcos Vinicius, il compositore Stelvio Cipriani, il trombonista Michele Lomuto, il chitarrista Pablo De La Cruz, ed altri.

Numerose le apparizioni televisive e radiofoniche per televisioni e radio locali tra cui Telenorba, AntennaSud, RAI, Radionorba, RadioPuglia, Controradio, Radio Popolare Network, Radio Amicizia,…
Attualmente svolge con passione un’intensa attività concertistica nei club e nei teatri in giro per l’Europa e didattica presso la scuola di musica: “Insula Musicae” di Conversano (Ba) – classi di Batteria e Percussioni.

INCISIONI DI MAGGIOR RILIEVO
CD – “Ping Pong” Vincenzo Mazzone (Leo Lab), con “Sud Percussion Group” e “Sud Ensemble” di Pino Minafra, con Daniele Patumi, Carlo Actis Dato, Giorgio Occhipinti, Sandro Satta, Lauro Rossi.
CD – “Siberia” Umberto Giordano (Dynamic), con “Orchestra Internazionale d’Italia” Dir. Manlio Benzi. Festival della Valle d’Itria Agosto 2003 – REGISTRATO DAL VIVO -
CD – “omonimo” , con “àistesis” prodotto da M.Pepe e F.Cacciapaglia
CD – “Introspezione d’un viaggio” di “Camillo Pace” (Edizioni dei corrieri cosmici)